ALTRE REALIZZAZIONI

Sono qui recensiti altri prodotti promossi dall’Associazione ‘9cento.

Per informazioni ulteriori scrivere ad associazione9cento@gmail.com

____________________________________________________________________________________________

Pause di silenzio
di Stefani Nerozzi (Il Popolo del Blues, Firenze, 2017)
Supporto: CD Audio. Etichetta: Il Popolo del Blues. Data di pubblicazione: 26 maggio 2017. Lunghezza totale: 41:05. EAN: 8028621000270. ASIN: B072PT6CBP.

8028621000270_0_0_0_75Stefano Nerozzi, musicista pistoiese nonché socio fondatore della ‘9cento, ha recentemente realizzato il suo nuovo prodotto, Pause di silenzio, un cd musicale che esce sotto l’egida dall’etichetta discografica fiorentina Il Popolo del Blues con distribuzione Audioglobe.
L’album è caratterizzato da sonorità che indulgono alla psichedelica e la sperimentazione. “Pause di Silenzio – leggiamo nell’articolata presentazione che ne fa Leonardo Cecconi di Reportcult.it – comprende tre tracce: la prima è una sorta di flusso di coscienza sonoro scaturito dalla osservazione di fotografie molto suggestive di vecchi nosocomi psichiatrici abbandonati. La seconda traccia è un intreccio di chitarre strutturate intorno ad un ritornello eseguito con un timbro quasi da chitarra-sintetizzatore ed infine la terza traccia riprende l’atmosfera del suo album precedente (Cromatico, 2007) esplorando ulteriori colori timbrici sempre avvolti nel rispetto melodico”.
Nato a Pistoia nel 1968, Stefano Nerozzi ha imparato la chitarra grazie agli insegnamenti di maestri quali Maurizio Ferretti, Nicola Becattini, Sergio Montaleni, Francesco Ciampalini e Andrea Vannucchi. Sono stati cinque i lavori discografici prodotti insieme agli Overa con cui ha suonato per 30 anni fino allo scioglimento del gruppo rock pistoiese. Poi, nel 2007 ha pubblicato da solista il cd Cromatico.
“Stefano continua oggi il suo viaggio musicale e la sua ricerca sonora con lo studio dello strumento, lo studio teorico, un appassionato ascolto musicale ed un doveroso rispetto del silenzio senza il quale la musica non potrebbe essere”.