Accademia Medica “Filippo Pacini”

L’Accademia Medica Pistoiese “Filippo Pacini”, costituita a Pistoia con statuto il 24 marzo 1928, nasce come associazione fondata da Medici Chirurghi residenti nel territorio della provincia, comprendenti oltre al capoluogo, anche le sedi di Pescia, Montecatini Terme, San Marcello Pistoiese e Tizzana, con “caratteri e scopi puramente scientifico-culturali”. Si propone i seguenti obiettivi:
a) Tenere delle sedute accademiche in cui i Soci comunicano ai presenti, con letture, esposizione di preparati, disegni, fotografie, proiezioni, presentazione di malati, di operati, ecc. “i risultati dei loro studi e dei loro interventi”.
b) Sollecitare dai Soci la raccolta di notizie, storie anamnestiche, dati statistici ed altro, riferentesi a singoli malati o date malattie di carattere sociale e a tipo epidemico-contagioso e ciò dietro presentazione di questionari redatti dai colleghi interessati in determinate ricerche.
c) Comunicare il risultato del suo lavoro per mezzo del Bollettino la cui redazione sarà curata dal Consiglio direttivo o da persone da questo nominate.
d) Istituire da sola o in unione all’Amministrazione dell’ospedale di Pistoia una Biblioteca medica il cui funzionamento sarà disciplinato da apposito regolamento.

L’Accademia otteneva i mezzi per la propria sussistenza attraverso un contributo fisso dei soci stabilito, all’epoca, in lire 12 e da eventuali lasciti, donazioni, elargizioni di privati o di Enti cui stava a cuore l’interessamento della cultura medico – scientifica. Potevano far parte dell’Accademia tutti i medici che rivolgevano domanda scritta al Consiglio Direttivo su presentazione di un socio. Nella domanda il richiedente doveva dichiarare di accettare lo Statuto e di impegnarsi a versare annualmente la quota associativa. Organi dell’Accademia Medica erano: l’Assemblea generale degli associati, il Consiglio Direttivo e il Collegio dei revisori. Il Consiglio Direttivo era formato da membri eletti ogni due anni dall’assemblea dei soci ed eleggeva nel proprio ambito un Presidente, un Vice presidente, un Segretario, un Bibliotecario, un Tesoriere e un Direttore del Bollettino.
Le sedute scientifiche erano indette dal Presidente quando era stato raccolto materiale sufficiente per trattenere l’Accademia per non meno di un’ora. Alle sedute scientifiche potevano prendere parte anche gli studenti iscritti al 4°, 5° e 6° anno della Facoltà di Medicina, permettendo loro di venire a contatto con i colleghi già di ruolo, di conoscere direttamente alcune problematiche sanitarie delle varie discipline medico-chirurgiche e di verificare l’importanza del lavoro svolto nell’Ospedale, stimolandoli quindi ad un’attività di studio finalizzata al raggiungimento di tali risultati. Grazie al costante impegno dei Soci ed alla qualità e validità delle comunicazioni esposte durante le sedute accademiche, poi regolarmente riportate nel Bollettino, l’Accademia Medica acquistò fama e notorietà non solo in Italia ma anche all’estero, tanto che furono molte le visite a Pistoia d’illustri medici e chirurghi per scambi culturali e strettamente tecnici, come quella del tisiologo Prof. Ludolf Brauer, direttore della Clinica medica d’Amburgo, nell’Ottobre del 1929.
Un’ulteriore dimostrazione dell’importanza dell’Accademia a livello nazionale risulta dall’elenco dei partecipanti alla cerimonia di traslazione delle salme di Filippo Pacini, Atto Tigri e Filippo Civinini nella Chiesa della Madonna delle Grazie o del Letto: in pratica erano presenti i Direttori di Istituti Medici universitari ed ospedalieri di gran parte delle regioni italiane.
Col trascorrere degli anni, tutti i vari Presidenti dell’Accademia hanno sempre cercato di mantenere attivo l’impegno dei colleghi ospedalieri stimolandoli alla presentazione di casi clinici interessanti che venivano poi regolarmente pubblicati nel Bollettino medico dell’Accademia. Questo Bollettino era un fiore all’occhiello dell’Ospedale di Pistoia ed era richiesto da molti altri Ospedali sia nazionali sia esteri i quali, spesso, inviavano anche donazioni per mantenerne attiva e costante la pubblicazione negli anni. Infatti i periodici dell’Accademia non venivano acquistati dall’Amministrazione Ospedaliera, ma provenivano da uno scambio con il Bollettino stampato dall’accademia stessa. Non è un caso infatti che interrotta, per motivi economici, la pubblicazione del Bollettino, iniziò a diminuire il numero di riviste: nell’anno 1987 i periodici inventariati erano 96, mentre nell’Aprile 2007 i periodici che continuavano ad arrivare erano solo 20.
L’attività scientifica dell’Accademia Medica fu mantenuta viva con riunioni almeno annuali, cui partecipavano, con grande interesse, molti medici delle varie specialità. In più occasioni le sedute scientifiche dovevano essere distribuite in almeno due giornate per il notevole numero di relazioni presentate, a dimostrazione del grande interesse verso quest’attività da parte di tutto il personale sanitario dell’Ospedale. Le stesse istituzioni locali, ed in particolar modo la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, riconoscendo il valore indiscusso dell’accademia in ambito sanitario, ne hanno spesso valorizzato le qualità scientifico-culturali, con donazioni economiche talora anche molto consistenti, come ad esempio, l’acquisto nel 1992 di ottantaquattro volumi della prestigiosa “Encyclopedie Medico-Chirurgicale”, o finanziando convegni a carattere regionali o anche nazionale.
Nell’anno 1999, in occasione della commemorazione del 70° anniversario della fondazione del Bollettino dell’accademia, il Comitato Direttivo era così composto: Presidente prof. Claudio Modiano, Vicepresidente Dr. Seghieri Giuseppe, Segretario Dr. Coronato Giuseppe, Bibliotecario Dr. Pacini Patrizio, Tesoriere Dr. Giomi Antonio, altri membri. Dr. Innocenti Florio, Prof. Silvestrini Edoardo, Dr. Giusti Massimo, Dr. Santagostino Giuliano. È giusto ricordare anche altri due medici, oggi scomparsi, che sono stati gli ‘storici’ dell’Accademia: l’anestesista Dr. Giancarlo Niccolai e il pediatria Dr. Luigi Brancolini. Il Prof. Giancarlo Bartolomei prima ed il Prof Modiano, a lui succeduto alla Presidenza, si adoperarono per mantenere sempre vitale l’Accademia Medica, ma dopo il loro pensionamento, per parecchi anni, l’attività è stata per vari motivi purtroppo sospesa.
La Biblioteca medica, che costituiva un punto portante dell’accademia, come dichiarato nello stesso statuto costitutivo, ha collaborato per le varie attività e custodito il materiale bibliografico. In questi ultimi tempi, l’accademia medica ha ripreso con entusiasmo la sua attività. Il Presidente attuale è il Dr. Giuseppe Seghieri, che assieme agli altri componenti del Consiglio, ha ridato vita all’organizzazione, per continuare a dare lustro all’Ospedale del Ceppo che per molti anni, nel passato, ha fatto “scuola” a tanti medici, che hanno potuto così migliorare le loro conoscenze scientifiche professionali e che sono stati orgogliosi di aver fatto parte del personale dell’Ospedale del Ceppo.

Pistoia, 13 Maggio 2013

Testo di Lalla Calderoni
____________________

Bibliografia

  1. Calderoni E. L’Accademia Medica “F. Pacini” all’interno della Biblioteca Medica “M. Romagnoli” (1999).
  2. Rossetti Dr. Roberto, ex-Direttore U.O. Microbiologia degli Spedali Riuniti di Pistoia. Notizie tratte da un articolo del maggio 2009.

2 risposte a “Accademia Medica “Filippo Pacini””

  1. Prof. Francesco Chiappelli ha detto:

    Mi chiedo quali sono le attività dell’Accademia in questi tempi, e quali sono le condizioni per aderenza quale socio.
    Prof. Francesco Chiappelli, Ph.D., Dr. Endo (h.c.)
    UCLA
    Center for the Health Sciences
    (Pistoiese di cuore e di anima, emigrato all’estero da sempre, e di antica discendenza pistoiese (vedasi Francesco Chiappelli, medico ed i suoi figli Alberto, Luigi ed Alessandro, e Francesco pittore pistoiese e mio nonno) sarei onorato di essere socio di codesta Accademia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...